LIBRI DI QUALITÀ

PER LEGGERE CON PIACERE

Iniziativa finanziata dalla Regione Lazio nell'ambito del progetto

IO LEGGO

(L.R. del 21 ottobre 2008, n. 16)

 

ll

mm

 

Convegno

Costruire, innovare,

gestire le biblioteche scolastiche

Relatori

Giovanni Solimine, Donatella Lombello, Paola Parlato.

Sabato 10 dicembre 2016

Incontro inaugurale

ore 12,00-13,00 – Sala Diamante – Palazzo dei Congressi

Roma EUR

 

Prima iniziativa del progetto:

 

Seconda iniziativa del progetto:

 

Terza iniziativa del progetto:

 

Quarta iniziativa del progetto:

 

Quinta iniziativa del progetto:

 

Sesta iniziativa del progetto:

 

Linee guida:

 

Manifesto:


 

 

Ultimi laboratori:

 

 

 

Linee guida alla scelta di un buon libro

di Gianna Marrone

Un decalogo per genitori, insegnanti, lettori, scrittori, illustratori, editori e tanti altri

1. Presentarsi con una veste grafica gradevole

a) Contenitore: colorato – con una illustrazione attraente e coerente alla storia – titolo che colpisca l’attenzione – formato e materiale variabile – rilegatura resistente – tipo di carta adatta alla struttura del contenuto e al formato – quarta di copertina inerente –
b) Contenuto: testo (caratteri leggibili e nitidi, di corpo inversamente proporzionale all’età) – illustrazioni (impaginazione appropriata, qualità estetica, coerenza con il testo, movimento e duttilità, colori nitidi e non sfumati per i più piccoli)
indipendentemente dalla veste grafica la trama deve essere strutturata in maniera avvincente, lunghezza proporzionale all’età e con parole conosciute, anche perché determinante per il testo e le illustrazioni


2. Avere una copertina esteticamente attraente e in linea con il contenuto

– Autore e Illustratore

– Titolo

– Illustrazione di copertina

– Casa editrice


3. Avere una quarta di copertina che non dia false informazioni

– Presentazione del contenuto (abstract)

– Notizie sull’autore ed eventuale foto

– Notizie sull’illustratore ed eventuale foto

– Brevi recensioni da quotidiani

– Notizie sulla collana ed eventuali piccole immagini

– Codice a barre

– Prezzo


4. Non fornire indicazioni sulla fascia d’età, porrebbe dei limiti imbarazzanti

– Domanda: Chi deve decidere qual è l’età giusta del lettore da inserire in quarta di copertina?

– Risposta: il lettore

– Domanda: chi decide veramente?

– Risposta: editore, raramente l’autore


5. Non rinunciare mai alla presenza di illustrazioni, sono gradite a qualsiasi età e indispensabili nei libri per ragazzi

– Perché l’illustrazione, soprattutto di copertina, attira sia il bambino che l’adulto

– Per i bambini non lettori l’illustrazione è fondamentale

– Stimola la memoria visiva

– Dà fisionomia ai personaggi e illustra i contesti

– Stimola la curiosità

– Favorisce la comprensione del testo

– Può essere un punto di partenza per la verbalizzazione

– Eeduca al gusto estetico

– Attenzione, non sempre il colore è garanzia di qualità


6. Avere illustrazioni belle dal punto di vista estetico ed artistico

– Alcune tecniche sono più adatte di altre ad illustrare libri per bambini

– Evitare immagini stereotipate, piatte e impersonali

– L’illustratore deve essere un artista vero

– Usare carta che valorizzi l’immagine

– L’illustrazione ricca di particolari non è in generale adatta a bambini piccoli

 

7. Avere illustrazioni che creino un legame inscindibile con il testo

– Può essere positivo che autore e illustratore siano la stessa persona.

– Se sono due persone diverse, l'illustratore è prevalentemente scelto dall'editore.

– L'ideale sarebbe che la casa editrice creasse un rapporto  di collaborazione tra autore e illustratore. Purtroppo accade raramente.

– L'assenza di uno stretto legame tra testo e illustrazioni disorienta i lettori e, in alcuni casi, provoca reazioni negative da parte dell'autore che non si riconosce più nel libro.

– È triste leggere storie bellissime corredate da illustrazioni carenti dal punto di vista estetico o scorrere immagini artistiche affiancate da testi banali o linguisticamente scorretti.

 

8. Offrire un testo impeccabile dal punto di vista linguistico: chiaro lineare e corretto

– Sui primi albi illustrati è opportuno che il lessico utilizzato sia già noto al bambino

– Il livello linguistico deve essere coerente con il genere

– Il lessico deve essere (rigorosamente) corretto nella grammatica  e  nella sintassi

– E' opportuno evitare l’uso di parole inadeguate (es. parolacce)

– Nei libri per bambini non lettori evitare periodi troppo lunghi e frasi subordinate

– Linguaggio e trama non debbono essere banali

– Se il racconto è lungo è opportuno che sia suddiviso in capitoli, che i titoli dei capitoli siano esaustivi, che il passaggio da un capitolo all’altro crei aspettativa

– Il racconto non deve essere infarcito di argomenti che prevedano troppi elementi impliciti (ad esempio in un racconto di avventura, come L’isola del tesoro, l’autore descrive gli ambienti del vascello, al cui interno si svolge l’azione, per permettere al lettore di inserirsi nell’ambiente stesso)

 

9. Offrire al lettore una trama coinvolgente, accattivante, lineare

– Le trame proposte debbono corrispondere agli interessi dei lettori

– Nei libri per i più piccoli è opportuno che la storia sia breve e facilmente comprensibile

– Che proponga colpi di scena

– Che abbia un incipit intrigante

– Che il personaggio principale sia emergente e immediatamente riconoscibile (es. Pimpa)

– Che il personaggio principale sia ben caratterizzato, in modo che il lettore possa identificarcisi

– In alcuni generi, ad esempio nelle saghe, è opportuno che nel succedersi dei volumi sia presente la continuità ed il richiamo ad avvenimenti già accaduti

– Che il messaggio insito nella trama sia implicito ma facilmente percepibile

 

10. Avere la capacità di stimolare il desiderio di essere letto più volte

– Se il libro ha le precedenti caratteristiche può diventare il libro preferito di un lettore, ma può addirittura conquistare un posto nel mondo dei classici

– Naturalmente un libro può essere un “buon libro” anche se gli manca qualcuno degli elementi proposti nel decalogo, purché la sua qualità complessiva non ne risenta

– Genitori, insegnanti e adulti in genere dovrebbero imparare, tutti, a veicolare i libri di qualità, ma dovrebbero anche imparare a rispettare le scelte di bambini e ragazzi che, se non condivise, dovrebbero essere correttamente motivate


 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

         

Il Pepeverde
E-mail info@ilpepeverde.it